pasquale cassavia architetto

Tursi (MT) municipio

00
67ridotta
68ridotta
3
4
5
6
7
8
9
10
13
14
16
18
17
Y:2 architettocassavia3_LAVORO TURSI MUNICIPIOlavoro tursi
Y:2 architettocassavia3_LAVORO TURSI MUNICIPIOlavoro tursi
Y:2 architettocassavia3_LAVORO TURSI MUNICIPIOlavoro tursi
Y:2 architettocassavia3_LAVORO TURSI MUNICIPIOlavoro tursi
Y:2 architettocassavia3_LAVORO TURSI MUNICIPIOlavoro tursi
Y:2 architettocassavia3_LAVORO TURSI MUNICIPIOlavoro tursi

2006 Tursi (MT) Lavori di “Recupero ex Municipio da destinare a sede uffici comunali e a scuola materna”. Incarico di Progettazione con determinazione N. 108 del 12 set. 2006, protocollo N.12656.

L’opera fa parte dei lavori di Recupero ex municipio da destinare a sede uffici comunali e a scuola materna.
L’edificio è ubicato nel pieno centro storico della città di Tursi, provincia di Matera, fondato nel 410 d.c. dai Goti, successivamente ampliato dagli Arabi saraceni attorno al 850d.c. e completamente terminato dai Bizantini attorno al 890 d.c.
Al fine di mantenere un tale patrimonio artistico-culturale, il progetto è stato portato avanti cercando di mantenere l’essenza storica dell’edificio, non rinunciando però ad una voluta contaminazione architettonica contemporanea.
La prima fase della progettazione ha riguardato l’arredamento e la sistemazione della Sala Consiliare a cui è stata prestata particolare attenzione, come richiesto, ed in quanto concepito come luogo dal possibile indirizzo multifunzionale (consigli, conferenze, dibattiti ed incontri in genere).
Ne è risultato uno spazio poliedrico, ricco dei toni caldi del legno, smorzato dalla semitrasparenza del cristallo satinato, carico dei giochi creati dalle molteplici fonti luminose.
Il ferro di cavallo formato dal tavolo per consiglio in legno massello di noce nazionale si affaccia sulla platea posta su una pedana a gradoni di legno massello e moquette, chiusa da una parete di pannelli lignei fonoassorbenti tagliati da una lama di luce proveniente dal basso. La pedana si compone di due parti separate materialmente, eppure unite da un unico punto di fuga costituito dall’ingresso con porta ad arco ribassato in cristallo satinato.
La forte integrazione tra antico e moderno viene messa in risalto appunto nella scelta delle porte, dove si è deciso di accostare agli archi in pietra dell’edificio originario il cristallo, testimone e rappresentante dell’architettura dei nostri giorni. Inoltre ho scelto di attrezzare la sala con quanto di meglio la tecnologia possa attualmente fornire, come testimonia un avanzatissimo sistema audio-video.
Eppure il romanticismo storico è stato mantenuto, addirittura messo in risalto, dall’integrato contrasto con la linearità contemporanea, quasi a formare un profondo sodalizio racchiuso da una cornice paesaggistica di elevato impatto.

References: www.crivellari.it